Hotel Ischia, scegli tra i migliori con IschiaWeb.it

L’isola di Ischia fa parte dell’arcipelago delle isole flegree della città metropolitana di Napoli ed è, tra
queste, la maggiore per estensione. Ischia è anche un’isola a carattere vulcanico – poiché formatasi in
seguito a diverse eruzioni verificatesi nel giro di diversi anni – e, situata all’estremità settentrionale del
golfo di Napoli, si presenta come una delle principali località turistiche della città.
Quest’isola – che è la terza per popolazione tra le isole italiane dopo Sicilia e Sardegna – si suddivide in sei
comuni – Ischia, Casamicciola, Lacco Ameno, Forio, Serrara Fontana e Barano – ognuno dei quali offre ai
suoi visitatori diversi intrattenimenti tra mare, montagne, terme e culture.
Data la sua posizione nel Mediterraneo è una delle mete preferite dai turisti. Oltre alle attrazioni più
rinomate è importante però, per capirla a fondo, lasciarsi tentare dai suoi sapori, conoscerne la storia e
apprezzarne il valore naturalistico partendo all’esplorazione anche degli angoli più reconditi.
Ecco allora una lista di cose che proprio non potete perdervi.

Isola d’Ischia il Castello Aragonese

Perchè scegliere Ischia per le proprie vacanze?

1. Le spiagge dell’isola d’Ischia

Le spiagge di Ischia costituiscono sicuramente l’attrazione principale dell’isola. Qui ne troverete di diverse:
con fondali bassi, adatti ai bambini, o selvagge e isolate, da esplorare con un romantico tour in barca. Tra le
spiagge più belle segnaliamo quella dei Maronti – che ha riscoperto nuovi flussi turistici grazie al recente
successo del romanzo L’amica geniale di Elena Ferrante – e quella di Cava Ruffano, a Sant’Angelo, ricavata
all’interno di una piccola insenatura. Degna di nota anche la baia di San Montano, inserita in una splendida
cornice verde. Ottima per gli aperitivi è invece Citara, nel comune di Forio, nei pressi della quale troviamo
un altro importante parco termale che quello di Poseidon.

2. Le fumarole

Le fumarole, a due passi da Sant’Angelo, meritavano una menzione a parte poiché, da sole, costituiscono
una delle attrazione più importanti dell’isola. In quest’area si può essere spettatori di una delle attività
vulcaniche dell’isola: il sottosuolo emana una grande energia termica che produce nuvole di vapore
nell’ambiente esterno e bolle di gas nel mare alla temperatura di 100°C, osservabili con maschera da sub a
pochi metri dalla riva o addirittura, avvicinandosi, agli scogli bianchi posizionati sulla sabbia bollente.

3. Castello Aragonese

Il Castello Aragonese venne costruito nel 474 dai soldati di Gerone i quali furono costretti a scavare
all’interno di uno scoglio distaccatosi dalla terraferma dopo un abbassamento tettonico che aveva fatto
sprofondare l’antica città di Aenaria. Con i Borboni divenne carcere politico e nella prima metà dell’800
confino ed ergastolo. Oggi è invece il monumento più emblematico e significativo dell’isola, visitabile a
piedi o in ascensore se si desidera raggiungere la cima. Il prezzo del biglietto per gli adulti è di soli 10 euro,
per i bambini, che godono del prezzo ridotto, di 6.

4. Lo scoglio degli innamorati

Se siete amanti degli inspiegabili fenomeni resi tali solo dalla natura, dovete far visita agli Scogli Innamorati,
dietro i quali si cela anche un’antica e romantica credenza popolare. Si tratta di due massi di tufo, collocati

nella splendida cornice del lungomare di Forio e avvicinati dalle acque, che sembrano essere fermi
nell’istante di un bacio. La leggenda narra dell’amore che univa il gigante Tifeo a Venere: l’ira dell’uomo,
alla notizia che la dea era stata data in sposa a Marte, fu implacabile fino a quando la stessa non si strappò
un pezzo di cuore e, unendolo al suo, lo mise in mostra sull’isola come pegno d’amore. I due cuori, divenuti
di pietra, si stringono ancora oggi indisturbati.

5. Parchi termali

Come vi avevamo già anticipato, parte dell’intrattenimento dell’isola è affidato alle terme. Ischia, infatti,
dispone di un’immensa offerta di parchi termali. Il già citato Negombo, nella zona Lacco Ameno, accoglie
nella baia di San Montano tantissimi turisti ogni anno. A Citara, il parco Poseidon, con le sue venti piscine, è
invece il più ampio dell’isola. Resta, tuttavia, Casamicciola la sede principale dell’intrattenimento termale,
dove troviamo il parco del Castiglione e quello de O’ Vignatiello.

6. Museo Archeologico Pithecusae

Per una tappa dedita alla cultura bisogna recarsi in Villa Arbusto, nel comune di Lacco Ameno, dove risiede
il Museo Archeologico Pitheacause. Questo sito è molto interessante e diverso dagli altri, in quanto trova
un modo divertente per intrattenere i visitatori e insieme ripercorrere le tappe più importanti della storia
dell’isola. Ogni sala, infatti, ricostruisce una data epoca, in rappresentanza di una determinata popolazione
e dei suoi usi e costumi. Vengono conservati qui i reperti della colonia greca di Pithecusa – come si evince
dal nome del museo – come sigilli e corredi funebri.

7. Belvedere dell’Epomeo

Per gli sportivi appassionati di trekking suggeriamo una visita all’incantevole belvedere Epomeo, che offre
un punto d’osservazione speciale da cui poter ammirare l’isola in tutta la sua bellezza. Qui potrete, inoltre,
osservare la florida vegetazione di Ischia e concedervi un pomeriggio di relax lontano dal sole cocente e
dalle atmosfere montane. Recentemente, inoltre, sono stati creati percorsi da poter intraprendere a
cavallo.

8. Ischia Ponte

Ischia Ponte è un borgo molto caratteristico dove poter ritrovare la parte popolare e verace dell’isola. Oltre
ad ospitare il Castello Aragonese, questa zona vi farà accedere a scenari davvero pittoreschi che fanno di
questa parte dell’isola un vero gioiellino nascosto. Il borgo è infatti ricco di botteghe di artigianato e
negozietti tipici dove potersi abbandonare alle tentazioni dello shopping.

9. Il Valentino e la vita notturna dell’isola

Di notte Ischia si accende e lascia spazio alla movida e alla mondanità. Il Valentino è la discoteca storica
dell’isola, una vera e propria istituzione per i giovani che qui si radunano la sera per trovare movimento.
Altre due importanti discoteche sono il Jane o Il Blanco. Il Lacco Ameno si mostra comunque come la zona
più movimentata ma si lascia rubare il primato da Forio per la musica live.
10. Basilica di Santa Maria di Loreto
Ischia è vista principalmente come una località turistica balneare e pertanto il turismo culturale viene
spesso trascurato sia dai visitatori che dalle guide. Non tutti sanno, infatti, che l’isola offre in realtà tanto da
visitare anche dal punto di vista culturale o architettonico e molte sono le chiese che vale la pena vedere.
Tra tutte, noi vi suggeriamo la Basilica di Santa Maria di Loreto, una chiesa risalente al 300 e dedicata alla
Madonna di Loreto, che custodisce al suo interno una serie di importanti opere d’arte.

Hotel Ischia, scegliere quello giusto

Come abbiamo già detto, l’isola si divide in sei comuni e ognuno di questi offre una vasta scelta di
ottimi alloggi dove poter soggiornare. Chiaramente, come ricordiamo sempre, la scelta della zona è
molto importante e spesso, in questi casi, non esiste criterio di valutazione diverso dal modo che un
viaggiatore ha d’intendere il viaggio. Esploriamo, dunque, l’isola con una serie di informazioni utili
raccolte comune per comune.

Hotel Ischia Porto e Ischia Ponte

Scegliere un hotel a Ischia Porto vi permetterà di soggiornare nella la zona più popolata ed offre un’ottima posizione da cui far partire gli spostamenti
dediti alla visita dell’isola: partono da qui diversi bus che raggiungono ogni angolo di Ischia. La zona
abbonda di spiagge – perlopiù stabilimenti balneari private – ma attenzione ai periodi d’alta
stagione, durante i quali diventa particolarmente caotica.

Hotel Lacco Ameno

Conosciuto anche come la piccola Montecarlo dell’isola partenopea, il comune di Lacco Ameno, pur
essendo quello più piccolo, è quello che meglio si presta alla mondanità. Simbolo di questa località
è il Fungo, una pietra di tufo che si erge sulla spiaggia a cui dà il nome. A tal proposito, di spiagge
dove poter godere di sole e mare ne troverete moltissime. Di sera, invece, molti sono i ristorantini e
i locali che costeggiano il lungomare. Vedi gli hotel di Lacco Ameno

Hotel Casamicciola Terme

Scegliere un Hotel a Casamicciola vi permetterà di soggiornare in una zona molto elegante e graziosa posta sulla costa nord di Ischia. Questa località
molto graziosa, è resa popolare dalle sue acque ritenute quasi terapeutiche e infatti, come già
anticipato, è la sede principale dei parchi termali dell’isola. Se cercate una zona tranquilla dove
poter pernottare, la troverete sicuramente a Casamicciola.

Hotel Barano (spiaggia Maronti)

In pochi scelgono di soggiornare qui, forse perché distante dalle principali attrazioni e posta in una posizione poco funzionale. Scegliere un  Hotel a Barano vuol dire soggiornare
in una zona molto tranquilla in cui pernottare e possiede una delle spiagge più belle dell’isola, quella dei Maronti, citata addirittura nei libri della Ferrante.

Hotel Forio Ischia

Il comune di Forio, insieme a quello del Lacco Ameno, si mostra come il più predisposto al
movimento e alla mondanità. Questa località offre infatti una vita notturna molto intensa, animata da
musica live e dalla presenza di ristoranti, caffetterie, gelaterie e numerosi localini jazz. Vedi gli Hotel a Forio.

Hotel a Sant’Angelo Ischia

Sant’Angelo è la località che suggeriamo a chi desidera un soggiorno all’insegna relax. Questo
antico borgo di pescatori, dove non transitano neanche i veicoli, è infatti una vera e propria oasi di
pace, famosa soprattutto per la bellezza delle spiagge.

Cosa mangiare a Ischia?

L’enogastronomia locale è all’altezza della bellezza dell’Isola e, affondando le radici, nella tradizione
culinaria partenopea non delude. Ecco una lista delle pietanze tipiche del posto.
Il coniglio all’Ischitana

Il piatto tipico per eccellenza è il coniglio. A seconda della zona dell’isola, questa pietanza viene
sottoposta a diversi modi di preparazione. La più apprezzata da noi resta quella che vede il coniglio
cotto in uno speciale soffritto di cipolla e speziato con un’erba che ricorda vagamente la menta.

La zingara è il piatto tipico di Ischia: una grande bruschetta realizzata con due fette di pane tostate e
sovrapposte, nel cui mezzo troviamo mozzarella, pomodoro, prosciutto e qualche foglia di lattuga. Una
pietanza semplice ma molto apprezzata per la sua genuinità e per i sapori tipicamente mediterranei.

Fave e ventresca costituiscono invece l’aperitivo isolano ed è spesso il re della tavola ischitana nel
periodo pasquale, specie in aprile che vede spuntare le prime fave.

Più che un piatto, stavolta diamo importanza a un ingrediente che rende la cucina ischitana tanto
lodevole: il pomodoro del piennolo trova infatti collocazione nei piatti più buoni e compare spesso nelle
casette o nei vialetti pittoreschi dell’isola, proprio come a voler ricordare la sua importanza legata alla
tradizione.

Per i piatti di mare si ricorre alla tradizionale zuppa di pesce ischitana in cui troviamo troviamo cozze,
vongole, polpo e seppie, scorfano: il tutto sommerso da un ineguagliabile sugo al pomodoro.

Come arrivare a Ischia?

Auto: bisogna prendere l’Autostrada per Napoli: dopo il casello di Napoli proseguire per circa 12 Km ed
immettersi nella Tangenziale in direzione Pozzuoli. Dopo aver percorso la tangenziale, prendere la
prima uscita dopo il casello "Via Campana", seguire le indicazioni per il porto.

Aereo: dall’aeroporto di Napoli Capodichino si può raggiungere il Molo Beverello utilizzando il taxi oppure il
bus di linea, il cui biglietto è acquistabile una volta che si è a bordo. Viaggiando in taxi potete
raggiungere, invece, anche il Molo di Mergellina. La tariffa varia dai 16 ai 19 euro.

Treno: se avete scelto di utilizzare il treno sappiate che la maggiore stazione di Napoli si trova in piazza
Garibaldi, dista dal Molo Beverello circa 2 km. Da lì potete infatti prendere un taxi o un bus di linea.
L’altra stazione si trova vicino al porto di Mergellina, ricordiamo però che l’imbarcazione lì è possibile
solo con aliscafo.

Trasporti marittimi: una volta raggiunto il molo, imbarcarsi sarà semplice. Ischia è ben collegata con la terraferma dalle
diverse corse che raggiungono i 3 porti principali dell’isola. Se avete intenzione di imbarcare con voi
anche l’auto, dovete tenere conto che a partire dal periodo pasquale – principalmente nel periodo di
aprile – fino alla fine dell’estate è vietata la circolazione di veicoli appartenenti a persone residenti nel
territorio della regione Campania.

Eventi Ischia, le feste più importanti

Un’ultima dritta che vogliamo darvi è legata alla Festa di Sant’Anna, celebrata ogni anno, nella cornice
di Ischia Porto, nel giorno del 26 Luglio. Questa ricorrenza è molto sentita dall’isola e costituisce una
tradizione antichissima, capace di trovare nuova linfa ogni anno e di attirare sempre più turisti.
La bellezza dell’evento risiede in un incantevole spettacolo pirotecnico, in una sfilata di barche
allegoriche e in un festival musicale che attraversa le memorie e le tradizioni dell’isola.
È possibile assistere allo show dagli scogli circostanti o a bordo di una delle tante barche radunatesi
per l’occasione.